Orto De’ Pecci

L’Orto de' Pecci, anticamente conosciuto come Valdimontone, si stende a ridosso di Piazza del Mercato, alle spalle della Torre del Mangia e di Palazzo Pubblico, che ne fanno da stupendo sfondo. Nel Medioevo questa ampia e profonda vallata era denominata anche di Porta Giustizia, perché i condannati alla pena capitale dovevano transitare da qui una volta usciti dalle carceri cittadine, e passare attraverso una porta così chiamata per essere condotti alle forche di Pecorile, qualche miglio fuori da Siena. Non di rado, però, alcune condanne a morte venivano eseguite anche nella valle e nei pressi della porta. Oggi l’Orto de’ Pecci è un’ampia distesa destinata a varie attività, che costituisce un polmone verde di notevole importanza per la città. Uno degli elementi più caratterizzanti dell’assetto urbano di Siena, infatti, è proprio la presenza di questi spazi verdi non edificati all’interno delle mura medievali, vera e propria “campagna”, spesso destinata a colture ortive, che si incunea dentro la città, formando una sorta di cuscinetto tra il costruito e la cinta medesima. Infatti, a fronte di un’estensione della città murata pari a circa 165 ettari, più di 32 sono destinati a verde, ossia quasi il 20% di superficie. Un bene che soprattutto nel corso del Novecento è stato difeso da vari tentativi di urbanizzazione, finché il Piano Regolatore Generale approvato negli anni Cinquanta non lo tutelò imponendo il vincolo di inedificabilità. Tra questi spazi verdi, la Valdimontone fu l’unico che nel Medioevo ospitò un vero e proprio quartiere, detto Borgo nuovo di Santa Maria, che al culmine della sua espansione era formato da un centinaio di edifici privati, alcune fonti, una chiesa e una vasta gamma di fabbricati artigianali. Iniziata la sua edificazione negli anni Venti del Trecento, la sua vita fu però brevissima, perché dopo la tremenda epidemia di peste nera del 1348, che a Siena provocò un crollo demografico stimabile in circa 2/3 della popolazione, fu rapidamente e completamente abbandonato, non lasciando alcuna traccia di sé.


VideoGuida LIS


The Orto de 'Pecci, formerly known as Valdimontone, lies close to Piazza del Mercato, behind the Torre del Mangia and Palazzo Pubblico, which make it a wonderful backdrop. In the Middle Ages this wide and deep valley was also called Porta Giustizia -'Gate of Justice', because the condemned to the death penalty had to pass from here once out of the city jails, and go through the Gate so called to be led to the forks of Pecorile, a few miles outside Siena. Not infrequently, however, some death sentences were also carried out in the valley and near the gate. Today the Orto de 'Pecci is a vast expanse destined to various activities, which constitutes a green lung of considerable importance for the city. In fact, one of the most characteristic elements of the urban structure of Siena is the presence of these green spaces not built inside the medieval walls, a real "farmland", often destined to vegetable crops, which is wedged into the city, forming a kind of buffer zone between the built and the city walls. In fact, compared to an extension of the walled city of approximately 165 hectares, more than 32 are destined for green, or almost 20% of surface area. A benefit that, especially during the twentieth century, was defended by various attempts at urbanization, until the General Urban Plan approved in the fifties did not protect it by imposing the constraint of not building area. Among these green spaces, the Valdimontone was the only one that in the Middle Ages housed a real neighborhood, called 'Borgo nuovo di Santa Maria', which at the height of its expansion was made up of about a hundred private buildings, some fountains, a church and a wide range of craft buildings. Started its construction in the twenties of the fourteenth century, its life was however very short, because after the terrible epidemic of black plague of 1348, which in Siena caused a demographic collapse estimated in about 2/3 of the population, was quickly and completely abandoned, leaving no trace of itself.

Der Orto de'Pecci, früher bekannt unter dem Namen Valdimontone, befindet sich unmittelbar hinter dem Piazza del Mercato, an der Rückseite des Torre del Mangia und des Palazzo Pubblicos, die ihn wie eine wunderbare Kulisse einrahmen. Im Mittelalter wurde dieses breite und tiefe Tal auch Tal der “Porta Giustizia” genannt, weil die zum Tode Verurteilten aus dem Gefängnis hier entlanggingen, um aus dem Tor “Porta Giustizia” zum Galgen “di Pecorile” zu gelangen, der einige Meilen ausserhalb der Stadt lag. Nicht selten geschah es aber, dass einige zum Tode Verurteilten gleich in dem Tal und in der Nähe des Tores hingerichtet wurden. Heute ist der Orto de Pecci eine weite Fläche für verschiedene Aktivitäten und ist für die Stadt wie eine grüne Lunge von grosser Bedeutung. Diese grüne und unbebaute Fläche ist das charakteristische Element dieses städtischen Gefüges, eine wahre Landschaft, oft mit Obst-und Gemüseanbau, die sich wie ein Kissen zwischen Stadt und Stadtmauer einbettet. Im Vergleich zur Stadtmauer, die zirka 165 Hektar umfasst, sind 32 Hektar oder besser gesagt fast 20% als Grünfläche bestimmt. Ein Vorteil, der vor allem während des zwanzigsten Jahrhunderts durch verschiedene Versuche der Urbanisierung verteidigt wurde, bis der in den fünfziger Jahren genehmigte allgemeine urbanistische Plan die Unbebaubarkeit vorschrieb. Unter diesen Grünflächen war das Valdimontone das einzige, das im Mittelalter ein echtes Viertel namens Borgo nuovo di Santa Maria beherbergte, das auf dem Höhepunkt seiner Ausdehnung aus etwa einhundert privaten Gebäuden, einigen Brunnen, einer Kirche und zahlreichen Handwerksgebäuden bestand. In den zwanziger Jahren des vierzehnten Jahrhunderts begann sein Bau, aber es dauerte nur sehr kurz, bis nach der schrecklichen Epidemie der Schwarzen Pest von 1348, die in Siena einen demographischen Einbruch von etwa 2/3 der Bevölkerung verursachte, alles schnell und vollständig aufgegeben wurde, ohne eine Spur von sich zu hinterlassen.


L’Orto de' Pecci, anciennement connu comme « Valdimontone », s’étend aux côtés de la Place du Marché, derrière la Torre del Mangia et le Palais public, qui créent un magnifique décor. Au Moyen-âge cette vaste et profonde vallée était aussi appelée Porta Giustizia “Porte de la Justice” parce que les condamnés aux peines capitales devaient transiter par là une fois sortis de prison et passaient au travers d’une porte ainsi appelée pour être conduits aux” forche di Pecorile », a quelques lieux de Sienne. Souvent, certaines condamnations à mort étaient exécutées également dans la vallée et prés de la porte. Aujourd’hui l’Orto de’ Pecci a une grande superficie destinée à différentes activités, et constitue un poumon vert de grande importance pour la ville. Un des éléments les plus caractéristiques de l’apparat urbain de Sienne est justement la présence de ces espaces verts à l’intérieur de l’enceinte médiévale, vraie et propre “campagne”, souvent destinés à cultures du terroir, formant une sorte de coussin entre l’habitat et l’enceinte même. En effet devant une extension de la ville emmurée qui correspond à 165 hectares, plus de 32 sont destinés aux espaces verts, à savoir presque 20% de la superficie. Un bien qui a été défendu contre diverses tentatives d’urbanisation, jusqu’à ce que le Plan Local d’urbanisme approuvé dans les années Cinquante imposa la défense de construire. Parmi ces espaces, “Valdimontone” fut l’unique qui au Moyen-âge représentait un véritable quartier, appelé “Borgo nuovo di Santa Maria”, formé par une centaine d’édifices privés, des fontaines, une église et des constructions artisanales. Mais sa vie fut très brève, une fois commencée sa construction dans les années du XIVe siècle il y eut hélas la peste noire de 1348, qui à Sienne provoqua une grande perte démographique estimée à 2/3 de la population, et fut rapidement et complètement abandonné ne laissant aucune trace de soi.


El Orto De’ Pecci, antiguamente conocido como Valdimontone, se extiende cerca de la Plaza del Mercado, detrás de la Torre del Mangia y del Palacio Público, que lo convierten en un maravilloso fondo. En la Edad Media este amplio y profundo valle se llamaba también Porta Giustizia, porque los condenados a la pena de muerte tenían que transitar desde aquí una vez fuera de las cárceles de la ciudad, y pasar a través de una puerta del mismo nombre para ser conducidos a la horca de Pecorile, algunas millas fuera de Siena. A menudo, algunas sentencias de muerte también se llevaron a cabo en el valle y cerca de la puerta. Hoy el Orto de’ Pecci es una amplia extensión destinada a distintas actividades, que constituye un pulmón verde con una importancia considerable para la ciudad. De hecho, uno de los elementos más característicos de la estructura urbana de Siena es la presencia de estos espacios verdes que no se han construido dentro de las murallas medievales, una verdadera campiña, a menudo destinada a cultivos de hortalizas, que está encajada en la ciudad, formando una especie de cojín entre lo construido y las murallas. De hecho, frente a una extensión de la ciudad amurallada de aproximadamente 165 hectáreas, más de 32 son destinadas a espacios verdes, es decir casi el 20% de la superficie. Un bien que especialmente durante el siglo XX ha sido defendido de varios intentos de urbanización, hasta que el Plan General de la ciudad aprobado en los años cincuenta lo tutela con la imposición del vínculo de la inedificabilidad. Entre estos espacios verdes, el Valdimontone fue el único que en la Edad Media alojó un verdadero barrio, llamado Borgo nuevo de Santa María, que al culmine de su expansión estaba formado por alrededor de cien edificios privados, algunas fuentes, una iglesia y un gran rango de edificios artesanales. Su construcción empezó en los años veinte del siglo XIV, su vida fue corta, porque después de la terrible epidemia de la peste negra del 1348, que en Siena provocó un colapso demográfico estimado en aproximadamente 2/3 de la población, fue rápidamente y completamente abandonado, sin dejar rastros de sí mismo.




Luoghi

A few hours or even just one day is definitely not enough to discover Siena and experience it in all its aspects.
Thanks to a priceless historical and artistic heritage and to a rich net of commercial activities, Siena offers many cultural, entertainment and travel opportunities. Breathtaking views and hidden corners, confirmations and surprises await you behind every alley and in every square with unusual perspectives to be discovered also through the itineraries that we show you in this page.
The routes that vary according to the number of days, to your passions, to the season and to the will to either walk or rather relax in the city's green spaces. Many different ways to achieve a single objective: making your travel experience in our city unforgettable.
So, enjoy Siena! And thank you for spending your free time in our city.
We’ll always remain here, waiting for your next visit.

  1. 1 day in Siena
  2. 2 days in Siena
  3. 3 days in Siena
  4. 3 hours in Siena

Itinerari

Medioevo Vero e Falso

Siena è una città medievale, ma non tutto ciò che sembra di questa epoca lo è davvero. Trifore perfette, merli ben conservati, difficilmente, se non stiamo parlando del Palazzo Comunale , edifici che presentano queste caratteristiche non hanno subito qualche restauro, più o meno generoso. Anche quando ciò sia avvenuto, però, l'armonia della città non ne viene intaccata perché per secoli artisti e architetti improntarono la loro opera al rispetto del passato glorioso della città. Il percorso parte proprio da uno dei luoghi simbolo dell'attaccamento dei senesi nei secoli alla propria identità architettonica: piazza Salimbeni , inventata alla fine dell'Ottocento dall'architetto Giuseppe Partini, ma in forme che rimandano al Medioevo. In strade meno battute dal turismo potrete scoprire antichi scorci del tutto originali come il suggestivo Castellare degli Ugurgieri con il suo silenzioso raccoglimento o la torre della Chiesa di San Giorgio , invisibile ai più, e che nasconde il suo “mistero” legato alla battaglia di Montaperti. Un inconsueto angolo vi si aprirà se avrete la voglia di addentrarvi nell'antico vicolo degli Orefici, dove respirerete l'aria di un tempo che fu in una pace insospettabile in pieno centro. Ci sarà poi ancora spazio per vedere esempi di Medioevo “moderno” e antico a confronto nel vicolo di Tone (Casato) , sul quale affaccia uno degli esempi più fulgidi di medioevo e modernità così ben commisurati da non presentare quasi distanze: il palazzo Chigi Saracini, sede dell'Accademia Musicale Chigiana, cha racchiude tanta storia passata e presente.

Francigena

Il centro storico di Siena è attraversato dalla famosa via che percorrevano i pellegrini sulle orme di Sigerico per raggiungere Roma e visitare la tomba dell'apostolo Pietro , un tragitto che rappresentava in sè un atto di penitenza, simbolicamente e materialmente consegnava il pellegrino nelle mani di Dio. Oggi la Via Francigena è l'occasione per un rinnovato rapporto con la natura e il territorio, ma anche con la storia, le tradizioni, il folclore delle genti del passato e del presente. Dalla ricerca interiore il cammino della Francigena rappresenta per i turisti e i pellegrini moderni un viaggio nelle radici della cultura italiana ed europea. Mentre in molti tratti extraurbani la Via Francigena aveva un percorso irregolare, vicino a Siena assumeva l'aspetto di un percorso urbano, più comodo e agibile per il pellegrino. Il percorso parte da Porta Camollia , da qui i pellegrini entravano a Siena per dirigersi verso sud . Porta Camollia si sviluppò in epoca medioevale proprio grazie alla Francigena, infatti fu ribattezzata dallo storico Ernesto Sestan come “figlia della strada”. Percorrendo la Francigena all’interno del centro storico si ha la possibilità di incontrare palazzi storici e antiche chiese, dove i pellegrini spesso facevano tappa in cerca di ospitalità. Lungo il percorso incontrerete la Chiesa di San Pietro alla Magione , la Chiesa di Santa Maria in Portico a Fontegiusta , la Chiesa di Sant’Andrea Apostolo e la Chiesa di Santa Maria delle Nevi . Percorrendo l’antica Via dei Pellegrini si arriva in Piazza del Duomo , dove si trova la splendida Cattedrale di fronte alla quale ha sede uno dei luoghi simbolo della Francigena del tratto senese: lo Spedale di Santa Maria della Scala . Antico ospedale, tra i primi luoghi in Europa, nel medioevo, destinato ad accogliere i pellegrini ed aiutare i poveri. Ora è un grande spazio museale, dove sono raccolti il museo archeologico, diverse mostre permanenti e non, laboratori di restauro.

Acqua

In aggiornamento

Panorami

Un itinerario dedicato ai luoghi con i panorami più belli e sorprendenti della città. Siena gode infatti di scenari mozzafiato. Si parte dalla Fortezza Medicea, chiamata anche Forte di Santa Barbara, fu fatta costruire da Cosimo dei Medici tra il 1563 e il 1567, su una precedente fortezza spagnola distrutta dai senesi nel 1552. Salendo lungo le mura raggiungiamo il bastione di San Domenico da cui si gode di una bellissima vista sulla città medievale e sui campi che la circondano. La Fortezza medicea oltre ad essere un luogo di pace immerso nel verde è da anni sede dell'Accademia nazionale del Jazz, che ospita ogni anno musicisti internazionali. Non solo dalla Fortezza ma anche dalle vie interne al centro storico è possibile ammirare panorami di diversa bellezza come quello offerto da via di Camporegio con una vista suggestiva sui tetti senesi e sul Duomo. Percorrendo poi via della Galluzza si giunge in via di Diacceto dove si può godere di un panorama mozzafiato su Fontebranda dominata dalla mole della Basilica di San Domenico. Da via delle Sperandie sembra quasi distaccarsi dalla città volgendo il proprio sguardo verso la vasta campagna senese. Scendendo per via Mattioli potrete fare una pausa nei giardini dell’ Orto dei Tolomei da cui è possibile apprezzare la vista sul cuore della città con la celebre Torre del Mangia simbolo di Siena. Risalendo per via Duprè la vista della Torre del Mangia vi accompagnerà lungo il tragitto finché non giungerete alla caratteristica stradina di campagna di via Porta Giustizia . È questa l’ultima tappa dell’itinerario: l’ Orto de’ Pecci , una valle immersa nel verde, a due passi dalla città che consente di godere di uno nuovo spettacolare panorama su Palazzo Pubblico e Torre del Mangia.

Sito Unesco


Siena, il cosiddetto sogno gotico, rappresenta ancora il modello di città medioevale rappresentato nell'affresco “Gli Effetti del Buongoverno” dipinto da Ambrogio Lorenzetti nel Museo Civico e per questo è stata inserita, nel 1995, nella lista del Patrimonio mondiale dell'umanità dell'Unesco.
Il riconoscimento è arrivato per le caratteristiche urbane ed architettoniche del centro storico di Siena, i suoi palazzi, le chiese, i monumenti, gli spazi urbani, che nel corso dei secoli hanno subito una evoluzione che ha saputo rispettare le caratteristiche originarie dei tempi, fra il XII e il XV secolo, in cui la Repubblica di Siena ha influenzato in maniera fortissima l'arte di tutta Europa.
Siena appare come un'utopia possibile – testimonianza di genio creativo, capacità artistica ed estetica, perfetta integrazione con il paesaggio circostante e di intelligente governo della città attraverso i secoli - e la città si è dotata di uno specifico Piano di gestione del sito Unesco.
Aiutaci a mantenerlo pulito, rispettalo come fosse un grande "salotto". Non sederti a terra per riposare o mangiare, ma cerca le valli e gli spazi verdi o utilizza la struttura appositamente destinata in Piazza del Mercato (Tartarugone) a un passo da Piazza del Campo. Tutti noi, cittadini di Siena, te ne saremo grati. Buona visita in città.


Siena, the so-called gothic dream, still represents the model of medieval city painted by Ambrogio Lorenzetti in the famous fresco "Gli Effetti del Buongoverno” in the Civic Museum and because of this it was admitted, in 1995, in the list of UNESCO World Heritage Sites.
The award was assigned because of the urban and architectural features of the historical center of Siena, its palaces, churches, monuments, urban spaces, which over the centuries have undergone an evolution that has managed to respect the original characteristics of the old times, between the twelfth and the fifteenth century, when the Republic of Siena influenced very strongly the art of all Europe.
Siena is a possible utopia - testimony to the creative genius, artistic and aesthetic ability, seamless integration with the surrounding landscape and wise government of the city through the centuries - and the city has set up a specific plan for maintaining the UNESCO site.
Please help us to keep it clean, and treat it with respect as though it were a huge open-air drawing room. Please don't sit on the ground to rest or to eat but look for the green areas (gardens and parks in the valleys between Siena's hills) or go to the covered loggia, designed for this purpose, in Piazza del Mercato (Tartarugone) just behind Piazza del Campo. All the citizens of Siena will be grateful to you, if you do this. Have a great visit.


Virtual Tour

  1. Basilica dei Servi
  2. Fonte di Follonica
  3. Santa Caterina

Info

NUMERI UTILI