Santa Maria della Scala

Secondo una nota leggenda, l’ospedale di Santa Maria della Scala sarebbe stato fondato dal ciabattino Sorore intorno al IX secolo. Esso, in realtà, nacque in seno alla chiesa episcopale e in origine fu retto dai canonici del Duomo. Sin dal più antico documento che lo cita, risalente al 1090, si evince che la struttura assolveva sia alla funzione di xenodochium, ossia di ricovero di forestieri, per lo più pellegrini e viandanti che percorrevano la Via Francigena e sostavano a Siena, sia a quella di hospitalis, cioè di luogo di assistenza e supporto caritativo per i più disagiati e indigenti. Più tardi l’ospedale senese si specializzò anche nel sostegno e la cura dei fanciulli abbandonati nella cosiddetta Casa delle Balie. Il Santa Maria della Scala è stato l’ospedale della città fino agli anni Ottanta del Novecento. Da quel momento, svuotato degli ultimi reparti ancora operanti al suo interno, l’antico ospedale, con i suoi duecentomila metri cubi e una storia più che millenaria di accoglienza e assistenza, fu al centro di un grande progetto culturale, che ne prevedeva il restauro per trasformarlo in un polo museale e in un centro culturale polivalente. Al suo interno, infatti, conserva un prezioso e vasto patrimonio artistico: lo splendido “Pellegrinaio” affrescato nel Quattrocento da Lorenzo di Pietro detto il Vecchietta, Domenico di Bartolo e Priamo della Quercia, la Cappella del Manto, la Sagrestia Vecchia, la Cappella della Madonna, la chiesa della Santissima Annunziata, gli oratori di Santa Caterina della Notte e di Santa Maria sotto le Volte. Inoltre sono presenti numerosi percorsi museali: il riallestimento della Fonte Gaia di Jacopo della Quercia, che si trovava in Piazza del Campo, le reliquie e gli ori del Tesoro del Santa Maria della Scala, provenienti in parte da Costantinopoli, il Museo Archeologico e il Museo della città, ospitati nei suggestivi locali sotterranei scavati nel tufo.


VideoGuida LIS


According to a famous legend, the Hospital Santa Maria della Scala was founded in 898 by a cobbler named Sorore about the IX century. In reality it was born within the episcopal church and was originally governed by the canons of the Duomo. From the earliest document citing it, dating back to 1090, it is clear that the structure was used both as a xenodochium, or as a shelter for foreigners, for the most part pilgrims and wayfarers who walked along the Via Francigena and stopped in Siena. of hospitalis, that is, a place of assistance and charitable support for the most disadvantaged and destitute. Later the Sienese hospital also specialized in supporting and caring for abandoned children in the so-called Casa delle Balie. Santa Maria della Scala was the City's hospital until the eighties of the twentieth century. From that moment, emptied of the its last departments still operating, the old hospital, with its two hundred thousand cubic meters and a more than millennial history of hospitality and assistance, was at the center of a great cultural project, which provided for the restoration to turn it into a museum pole and a multipurpose cultural center. Inside, in fact, preserves a precious and vast artistic heritage: the splendid "Pellegrinaio" frescoed in the fifteenth century by Lorenzo di Pietro called il Vecchietta, Domenico di Bartolo and Priamo della Quercia, the Chapel of Manto, the Old Sacristy, the Chapel of Madonna, the church of the Santissima Annunziata, the oratories of Santa Caterina della Notte and Santa Maria sotto le Volte. There are also numerous museum itineraries: the further restoration of the Fonte Gaia originally made by Jacopo della Quercia, which was located in Piazza del Campo, the relics and the gold of the Treasure of Santa Maria della Scala, partly from Constantinople, the Archaeological Museum and the Museum of the history of the City, housed in the evocative underground rooms excavated into the tuff.

Nach einer berühmten Legende, wurde das Krankenhaus Santa Maria della Scala von dem Schuster Sorore um das neunte Jahrhundert gegründet. In Wirklichkeit ist es auf Anlass der Episkopalkirche entstanden und wurde von den Kanonbrüdern des Doms erbaut. Seit der ersten urkundlichen Erwähnung aus dem Jahr 1090 geht hervor, dass die Struktur sowohl als Xenodochium als auch als Unterkunft für Fremde genutzt wurde, meist Pilger und Wanderer, die die Via Francigena entlanggingen und in Siena einen Halt machten, sowie als hospitalis, ein Ort der Betreuung und der karitativen Hilfe für die Benachteiligten und Notleidenden. Später spezialisierte sich das senesische Krankenhaus auch in der Betreuung und der Pflege der Waisen in dem Casa delle Balie (dt.Ammenhaus). Das Santa Maria della Scala war Krankenhaus bis in den achtzigern Jahren des zwanzigsten Jahrhunderts. Von diesem Moment an, nachdem die letzten Abteilungen umgesiedelt wurden, war das alte Krankenhaus, mit seinen zweihunderttausend Kubikmetern und einer mehr als tausendjährigen Geschichte der Gastfreundschaft und der Hilfe, im Zentrum eines großen kulturellen Projekts, das seine Restaurierung vorsah, um es zu einem Museumspol und einem multifunktionalen Kulturzentrum zu verwandeln. In seinem Inneren enthält es nämlich ein kostbares und grosses Kulturerbe auf: den grossartigen „Pellegrinaio“ mit Fresken aus dem 15.Jahrhundert von Lorenzo di Pietro-der auch il Vecchietta genannt wurde-, Domenico di Bartolo e Priamo della Quercia, die Cappella del Manto, die Sagrestia Vecchia, die Cappella della Madonna, die Kirche Santissima Annunziata, die Oratorien von Santa Caterina della Notte und Santa Maria sotto le Volte. Es gibt auch zahlreiche weitere Museumsrouten: die Neugestaltung der Fonte Gaia von Jacopo della Quercia, die sich auf der Piazza del Campo befand, die Reliquien und das Gold des Schatzes von Santa Maria della Scala, teilweise aus Konstantinopel, das Archäologische Museum und das Museum von der Stadt, die in den eindrucksvollen unterirdischen Räumen untergebracht sind, die in den Tuff gegraben wurden.


Selon la légende, l’hôpital Santa Maria della Scala aurait été fondé par le cordonnier Sorore aux alentours du IXe siècle. En réalité l’hôpital fut crée au sein de l’église épiscopale et fut à l’origine gouverné par les chanoines de la Cathédrale. Selon un très ancien document qui remonte à 1090, on sait que la structure faisait aussi bien office de xenodochium, à savoir d’accueil d’étrangers (pèlerins et voyageurs sur la voie de pèlerinage Francigena) qui séjournaient à Sienne, que d’hospitalis, lieu d’assistance et support caritatif pour les plus besogneux. Plus tard l’hôpital siennois se spécialisa également dans le soutien et le soin des enfants abandonnés dans la “ Casa delle Balie ». Santa Maria della Scala fut l’hôpital de la ville jusqu’aux années quatre vingt du XXe siècle. A partir de ce moment, l’hôpital avec ses deux cent mille mètres cube, devint le centre d’un grand projet culturel avec un vaste et précieux patrimoine artistique grâce à une grande œuvre de restauration qui le transforma en un pole muséal et un grand centre culturel. A l’intérieur on découvre un immense patrimoine artistique: le splendide “Pellegrinaio” (Salle des Pèlerins) décoré de fresques du XVe siècle par Lorenzo di Pietro surnommé “ Vecchietta”, Domenico di Bartolo et Priamo della Quercia, la Cappella del Manto (Chapelle du Manteau) la Sagrestia Vecchia (Vieille Sacristie) la Cappella della Madonna, (la chapelle de la Vierge) la chiesa della Santissima Annunziata,(l’église de l’Annonciation) les oratoires de Sainte Catherine de la Nuit et de Sainte Marie sous les voutes. On peut découvrir de nombreux parcours muséaux: la nouvelle mise en place de la Fontaine de La Place du Campo “ Fonte Gaia” de Jacopo della Quercia, qui se situait sur la Piazza del Campo, les reliques et l’or du Trésors de l’hôpital Santa Maria della Scala, provenant en partie de Constantinople, le Musée Archéologique et le Musée de la ville, situés à l’intérieur des locaux souterrains creusés dans les sous sols de la terre de Sienne.


Según una famosa leyenda, el hospital de Santa Maria della Scala había sido fundado por el zapatero Sorore alrededor del siglo IX. En realidad, nació dentro de la iglesia episcopal y originalmente fue gobernada por los cánones del Duomo. Desde el más antiguo documento que lo cita, fecha del 1090, está claro que la estructura cumplía tanto la función de xenodochium, es decir, el refugio de extranjeros, principalmente peregrinos y caminantes que viajaban por la Vía Francigena y se detenían en Siena, así como el de hospitalis, es decir, un lugar de asistencia y apoyo caritativo para los más desfavorecidos e indigentes. Más tarde, el hospital de Siena también se especializó en el apoyo y cuidado de los niños abandonados en la Casa llamada delle Balie. El Santa María della Scala fue el hospital de la ciudad hasta los años ochenta del siglo XX. Desde ese momento, vaciado por los últimos repartos, todavía en función en su interior, el antiguo hospital, con sus doscientos mil metros cúbicos y una historia milenaria de hospitalidad y asistencia, estuvo al centro de un gran proyecto cultural, que preveía la restauración para transformarlo en un museo y en un centro cultural polivalente. En su interior, incluso, conserva un precioso y amplio patrimonio artístico: el espléndido “Pellegrinaio” cuyos frescos fueron realizados en el siglo XV por Lorenzo di Pietro llamado el Vecchietta, Domenico di Bartolo y Priamo della Quercia, la Capilla del Manto, la Sacristía Vieja, la Capilla de la Virgen, la iglesia de la Santísima Anunciada, los oratorios de Santa Catalina de la Noche y de Santa María bajo las bóvedas. Además se encuentran numerosos recorridos del museo: la colocación de la Fonte Gaia de Jacopo de la Quercia, que se encontraba en la Plaza del Campo, las reliquias y los oros del Tesoro del Santa María della Scala, provenientes en parte de Costantinopoli, el Museo de Arqueología y el Museo de la Ciudad, alojados en las sugestivas habitaciones subterráneas escavadas en el tufo.




Luoghi

A few hours or even just one day is definitely not enough to discover Siena and experience it in all its aspects.
Thanks to a priceless historical and artistic heritage and to a rich net of commercial activities, Siena offers many cultural, entertainment and travel opportunities. Breathtaking views and hidden corners, confirmations and surprises await you behind every alley and in every square with unusual perspectives to be discovered also through the itineraries that we show you in this page.
The routes that vary according to the number of days, to your passions, to the season and to the will to either walk or rather relax in the city's green spaces. Many different ways to achieve a single objective: making your travel experience in our city unforgettable.
So, enjoy Siena! And thank you for spending your free time in our city.
We’ll always remain here, waiting for your next visit.

  1. 1 day in Siena
  2. 2 days in Siena
  3. 3 days in Siena
  4. 3 hours in Siena

Itinerari

Medioevo Vero e Falso

Siena è una città medievale, ma non tutto ciò che sembra di questa epoca lo è davvero. Trifore perfette, merli ben conservati, difficilmente, se non stiamo parlando del Palazzo Comunale , edifici che presentano queste caratteristiche non hanno subito qualche restauro, più o meno generoso. Anche quando ciò sia avvenuto, però, l'armonia della città non ne viene intaccata perché per secoli artisti e architetti improntarono la loro opera al rispetto del passato glorioso della città. Il percorso parte proprio da uno dei luoghi simbolo dell'attaccamento dei senesi nei secoli alla propria identità architettonica: piazza Salimbeni , inventata alla fine dell'Ottocento dall'architetto Giuseppe Partini, ma in forme che rimandano al Medioevo. In strade meno battute dal turismo potrete scoprire antichi scorci del tutto originali come il suggestivo Castellare degli Ugurgieri con il suo silenzioso raccoglimento o la torre della Chiesa di San Giorgio , invisibile ai più, e che nasconde il suo “mistero” legato alla battaglia di Montaperti. Un inconsueto angolo vi si aprirà se avrete la voglia di addentrarvi nell'antico vicolo degli Orefici, dove respirerete l'aria di un tempo che fu in una pace insospettabile in pieno centro. Ci sarà poi ancora spazio per vedere esempi di Medioevo “moderno” e antico a confronto nel vicolo di Tone (Casato) , sul quale affaccia uno degli esempi più fulgidi di medioevo e modernità così ben commisurati da non presentare quasi distanze: il palazzo Chigi Saracini, sede dell'Accademia Musicale Chigiana, cha racchiude tanta storia passata e presente.

Francigena

Il centro storico di Siena è attraversato dalla famosa via che percorrevano i pellegrini sulle orme di Sigerico per raggiungere Roma e visitare la tomba dell'apostolo Pietro , un tragitto che rappresentava in sè un atto di penitenza, simbolicamente e materialmente consegnava il pellegrino nelle mani di Dio. Oggi la Via Francigena è l'occasione per un rinnovato rapporto con la natura e il territorio, ma anche con la storia, le tradizioni, il folclore delle genti del passato e del presente. Dalla ricerca interiore il cammino della Francigena rappresenta per i turisti e i pellegrini moderni un viaggio nelle radici della cultura italiana ed europea. Mentre in molti tratti extraurbani la Via Francigena aveva un percorso irregolare, vicino a Siena assumeva l'aspetto di un percorso urbano, più comodo e agibile per il pellegrino. Il percorso parte da Porta Camollia , da qui i pellegrini entravano a Siena per dirigersi verso sud . Porta Camollia si sviluppò in epoca medioevale proprio grazie alla Francigena, infatti fu ribattezzata dallo storico Ernesto Sestan come “figlia della strada”. Percorrendo la Francigena all’interno del centro storico si ha la possibilità di incontrare palazzi storici e antiche chiese, dove i pellegrini spesso facevano tappa in cerca di ospitalità. Lungo il percorso incontrerete la Chiesa di San Pietro alla Magione , la Chiesa di Santa Maria in Portico a Fontegiusta , la Chiesa di Sant’Andrea Apostolo e la Chiesa di Santa Maria delle Nevi . Percorrendo l’antica Via dei Pellegrini si arriva in Piazza del Duomo , dove si trova la splendida Cattedrale di fronte alla quale ha sede uno dei luoghi simbolo della Francigena del tratto senese: lo Spedale di Santa Maria della Scala . Antico ospedale, tra i primi luoghi in Europa, nel medioevo, destinato ad accogliere i pellegrini ed aiutare i poveri. Ora è un grande spazio museale, dove sono raccolti il museo archeologico, diverse mostre permanenti e non, laboratori di restauro.

Acqua

In aggiornamento

Panorami

Un itinerario dedicato ai luoghi con i panorami più belli e sorprendenti della città. Siena gode infatti di scenari mozzafiato. Si parte dalla Fortezza Medicea, chiamata anche Forte di Santa Barbara, fu fatta costruire da Cosimo dei Medici tra il 1563 e il 1567, su una precedente fortezza spagnola distrutta dai senesi nel 1552. Salendo lungo le mura raggiungiamo il bastione di San Domenico da cui si gode di una bellissima vista sulla città medievale e sui campi che la circondano. La Fortezza medicea oltre ad essere un luogo di pace immerso nel verde è da anni sede dell'Accademia nazionale del Jazz, che ospita ogni anno musicisti internazionali. Non solo dalla Fortezza ma anche dalle vie interne al centro storico è possibile ammirare panorami di diversa bellezza come quello offerto da via di Camporegio con una vista suggestiva sui tetti senesi e sul Duomo. Percorrendo poi via della Galluzza si giunge in via di Diacceto dove si può godere di un panorama mozzafiato su Fontebranda dominata dalla mole della Basilica di San Domenico. Da via delle Sperandie sembra quasi distaccarsi dalla città volgendo il proprio sguardo verso la vasta campagna senese. Scendendo per via Mattioli potrete fare una pausa nei giardini dell’ Orto dei Tolomei da cui è possibile apprezzare la vista sul cuore della città con la celebre Torre del Mangia simbolo di Siena. Risalendo per via Duprè la vista della Torre del Mangia vi accompagnerà lungo il tragitto finché non giungerete alla caratteristica stradina di campagna di via Porta Giustizia . È questa l’ultima tappa dell’itinerario: l’ Orto de’ Pecci , una valle immersa nel verde, a due passi dalla città che consente di godere di uno nuovo spettacolare panorama su Palazzo Pubblico e Torre del Mangia.

Sito Unesco


Siena, il cosiddetto sogno gotico, rappresenta ancora il modello di città medioevale rappresentato nell'affresco “Gli Effetti del Buongoverno” dipinto da Ambrogio Lorenzetti nel Museo Civico e per questo è stata inserita, nel 1995, nella lista del Patrimonio mondiale dell'umanità dell'Unesco.
Il riconoscimento è arrivato per le caratteristiche urbane ed architettoniche del centro storico di Siena, i suoi palazzi, le chiese, i monumenti, gli spazi urbani, che nel corso dei secoli hanno subito una evoluzione che ha saputo rispettare le caratteristiche originarie dei tempi, fra il XII e il XV secolo, in cui la Repubblica di Siena ha influenzato in maniera fortissima l'arte di tutta Europa.
Siena appare come un'utopia possibile – testimonianza di genio creativo, capacità artistica ed estetica, perfetta integrazione con il paesaggio circostante e di intelligente governo della città attraverso i secoli - e la città si è dotata di uno specifico Piano di gestione del sito Unesco.
Aiutaci a mantenerlo pulito, rispettalo come fosse un grande "salotto". Non sederti a terra per riposare o mangiare, ma cerca le valli e gli spazi verdi o utilizza la struttura appositamente destinata in Piazza del Mercato (Tartarugone) a un passo da Piazza del Campo. Tutti noi, cittadini di Siena, te ne saremo grati. Buona visita in città.


Siena, the so-called gothic dream, still represents the model of medieval city painted by Ambrogio Lorenzetti in the famous fresco "Gli Effetti del Buongoverno” in the Civic Museum and because of this it was admitted, in 1995, in the list of UNESCO World Heritage Sites.
The award was assigned because of the urban and architectural features of the historical center of Siena, its palaces, churches, monuments, urban spaces, which over the centuries have undergone an evolution that has managed to respect the original characteristics of the old times, between the twelfth and the fifteenth century, when the Republic of Siena influenced very strongly the art of all Europe.
Siena is a possible utopia - testimony to the creative genius, artistic and aesthetic ability, seamless integration with the surrounding landscape and wise government of the city through the centuries - and the city has set up a specific plan for maintaining the UNESCO site.
Please help us to keep it clean, and treat it with respect as though it were a huge open-air drawing room. Please don't sit on the ground to rest or to eat but look for the green areas (gardens and parks in the valleys between Siena's hills) or go to the covered loggia, designed for this purpose, in Piazza del Mercato (Tartarugone) just behind Piazza del Campo. All the citizens of Siena will be grateful to you, if you do this. Have a great visit.


Virtual Tour

  1. Basilica dei Servi
  2. Fonte di Follonica
  3. Santa Caterina

Info

NUMERI UTILI