Fonte Nuova

La Fonte Nuova d’Ovile, con l’abbeveratoio e il lavatoio, fu costruita in un lungo lasso di tempo. I lavori iniziarono nel 1295 e terminarono solo nel 1321, anche se nel 1303 risulta già funzionante. La scelta del sito dove erigerla coinvolse un gruppo di esperti di livello ragguardevole, essendo composto da Duccio di Boninsegna, Giovanni Pisano e Sozzo di Rustichino, autore del progetto insieme a Tino di Camaino. Anche questa fonte antica, così come tutte le altre che punteggiano il tessuto urbano, è alimentata dai “bottini”, la rete di acquedotti sotterranei che costituisce un importante patrimonio storico e ingegneristico unico nel suo genere. Il termine “buctinus“ deriva dalla caratteristica volta a "botte" di questi cunicoli, e appare per la prima volta in un documento del 1226. Questo ingegnoso sistema di condutture scavate nel terreno, che fra rami principali e derivazioni si estende per circa 25 chilometri, fu necessario per portare a Siena l’acqua, di cui la città è sempre stata carente per la sua posizione e per le caratteristiche geologiche del terreno su cui sorge. I bottini hanno garantito l’approvvigionamento idrico cittadino fino ai primi del Novecento, quando fu realizzato l’acquedotto del Vivo, che conduceva a Siena l’acqua del Monte Amiata. I rami principali e più estesi sono il bottino maestro di Fontebranda, già in fase di escavazione ai primi del Duecento, che si trova a notevole profondità e che dal nord di Siena porta l'acqua fino all’omonima fonte, e il bottino maestro di Fonte Gaia, realizzato nel Trecento, che alimenta la fonte in Piazza Il Campo, e poi, con l’acqua di “trabocco”, anche altre minori. La Fonte Nuova d’Ovile, così come altre fontane della città, come quelle di Ovile, Pescaia, Follonica e Fontanella, è invece alimentata da un breve bottino autonomo.


VideoGuida LIS


The fountain Fonte Nuova d'Ovile with the drinking trough and the washtub was built in a long span of time. The works began in 1295 and ended only in 1321, although in 1303 it was already working. The choice of the site, where to build it, involved a group of experts of considerable level, being composed of Duccio di Boninsegna, Giovanni Pisano and Sozzo di Rustichino, author of the project together with Tino di Camaino. Even this ancient fountain, like all the others that dot the urban structure, takes the water by the "bottini", the network of underground aqueducts which are a historical and unique engineering patrimony . The term “buctinus”, probably from the barrel vault (volta a “botte”), appears for the first time in a 1226 document. This ingegnous system of water mains, excavated in the ground-level, between main branches and branches extends for about 25 kilometers, it was necessary to bring water to Siena, of which the city has always been lacking due to its position and to the geological characteristics of the land on which it stands. The bottini and its fountains were the only water resource of the city until the beginning of the Twentieth century, when was built the acqueduct 'del Vivo', which brought to Siena the water from the Monte Amiata (Mountain Amiata). The main branches and the most extended are the principal 'bottino' Fontebranda,already under excavation in the early thirteenth century, which is located at considerable depth and that from the north of Siena brings water to the homonymous source and the principal bottino of Fonte Gaia realized in the fourteenth century and which bring the water to the fountain in the square Piazza Il Campo, and then, with water in the “trabocco -overflow” way to other minor fountains.The Fonte Nuova d’Ovile, like other fountain of the City, like the ones of Ovile, Pescaia, Follonica e Fontanella, take the water from a short autonomous ‘bottino'.

Der Brunnen Fonte Nuova d'Ovile, mit der Wassertränke und dem Waschtrog, wurde über einen langen Zeitraum hinweg gebaut. Die Arbeiten begannen 1295 und endeten erst im Jahre 1321, obwohl er schon 1303 funktionierte. Bei der Auswahl des Standortes, wo er erbaut werden sollte, waren eine Gruppe von Experten von beträchtlichem Niveau beteiligt, bestehend aus Duccio di Boninsegna, Giovanni Pisano und Sozzo di Rustichino, der Autor des Projekts zusammen mit Tino di Camaino. Auch dieser antiker Brunnen, so wie die anderen, die über die Stadt verteilt sind, wird von dem unterirdischen Wassersystem “bottini” versorgt, das ein wichtiges historisches und ingegnieurtechnisches Erbe darstellt. Der Name “Buctinus” stammt wahrscheinlich von den Tonnengewölben der Wasserleitung und erscheint zum ersten Mal in einem Dokument des Jahres 1226. Dieses geniale unterirdische Wassersystem, das sich sich mit seinen Hauptleitungen und Verzweigungen über 25 Kilometer erstreckt , war notwendig, um das Wasser nach Siena zu bringen, da die Stadt durch ihre Lage und durch die Charakteristik der Bodenbeschaffenheit wenig Wasser hat. Die Bottini haben die städtische Wasserversorgung bis ins zwanzigste Jahrhundert garantiert, als das Acquedotto dal Vivo geschaffen wurde, welches das Wasser vom Monte Amiata brachte. Die Hauptleitungen, die auch die längsten sind, bilden die bottino maestro di Fontebranda, die bereits bei ihrer Ausgrabung Anfang des 13.Jahrhunderts sehr tief liegt, und das Wasser vom Norden Sienas zum gleichnamigen Brunnen leitet; sowie die bottino maestro Fonte Gaia, die im 14.Jahrhundert geschaffen wurde, und den Brunnen auf dem Piazza del Campo versorgt, und dann nach dem System des “trabocco” auch andere kleinere Brunnen. Der Brunnen Fonte Nuova d'Ovile, sowie andere Brunnen der Stadt, wie Pescaia, Follonica und Fontanella bekommen das Wasser durch eine kurze autonome Leitung.


La Fonte Nuova d’Ovile, avec l’abreuvoir et le lavoir, fut construite sur une longue période. Les travaux commencèrent en 1295 et se terminèrent en 1321 ; elle était déjà en fonction en 1303. L’endroit de sa collocation fut choisi par un groupe d’experts de grand niveau composé par Duccio di Boninsegna, Giovanni Pisano, Sozzo di Rustichino et Tino di Camaino. Comme toutes les autres fontaines antiques qui s’étendent sur le tissu urbain de la ville, elle est alimentée per un réseau d’aqueducs souterrains appelés « Bottini » qui constitue un important patrimoine historique et un grand système d’ingénierie unique en son genre. Le terme “buctinus“ dérive de la voute “a botte" voute en berceau, et apparait pour la première fois dans un document de 1226. Ce système ingénieux de conduits creusés dans le sol qui s’étend sur environ 25 kilomètres, fut indispensable pour porter l’eau à Sienne ; la ville a toujours manqué d’eau à cause de sa position et de par les caractéristiques géologiques du terrain. Les “bottini » ont garanti l’approvisionnement hydrique des citoyens jusqu’au début du XXe siècle, jusqu’à la réalisation de l’aqueduc « del Vivo », qui a conduit à Sienne l’eau du Mont Amiata. Les conduits principaux et plus étendus sont “il bottino maestro di Fontebranda”, déjà en creusage au début du XIIIe siècle, très profond et qui transporte l’eau depuis le nord de Sienne, et le « bottino maestro di Fonte Gaia », réalisé au XIVe siècle qui alimente la Fontaine de la Place du Campo, et d’autres fontaines mineures avec le surplus. La Fonte Nuova d’Ovile, comme d’autres fontaines de la ville à savoir Ovile, Pescaia, Follonica et Fontanella, sont alimentées par un court conduit autonome.


La Fuente Nueva d’Ovile, con el abrevadero y el lavadero, fue construida en un largo tiempo. Los trabajos empezaron en el 1295 y terminaron solo en el 1321, a pesar que en el 1303 resultaba ya en función. La decisión del lugar de donde construirlo involucró un grupo de expertos de un importante nivel, representado por Duccio di Boninsegna, Giovanni Pisano y Sozzo de Rustichino, autor del proyecto junto a Tino de Camaino. También esta fuente antigua, así como las demás que señalan el tejido urbano, está alimentada por los “bottini”, la red de acueductos subterráneos que constituye un importante patrimonio histórico y de ingeniería único en su género. El término “buctinus” deriva de la bóveda con característica a “barril” de estos túneles, y aparecen por primera vez en un documento del 1226. Este ingenioso sistema de tuberías excavado en el suelo, que se extiende por unos 25 kilómetros entre ramas, era necesario para llevar el agua a Siena, de la cual la ciudad ha sentido siempre la falta por su posición y por sus características geológicas de la tierra en la que se encuentra. Los bottini garantizaron el suministro de agua de la ciudad hasta principios del siglo XX, cuando se construyó el acueducto Vivo, que conduce hacia Siena las aguas desde el Monte Amiata. Las ramas principales y más extensas son el botin maestro de Fontebranda, que ya a principios del siglo XIII estaba en fase de excavación, que se encuentra a una profundidad considerable y que desde el norte de Siena lleva agua a la fuente homónima, y el botin maestro de Fonte Gaia construido en el siglo XIV, que alimenta la fuente en la Plaza del Campo, y luego con el agua del derrame, también otros menores.




Luoghi

A few hours or even just one day is definitely not enough to discover Siena and experience it in all its aspects.
Thanks to a priceless historical and artistic heritage and to a rich net of commercial activities, Siena offers many cultural, entertainment and travel opportunities. Breathtaking views and hidden corners, confirmations and surprises await you behind every alley and in every square with unusual perspectives to be discovered also through the itineraries that we show you in this page.
The routes that vary according to the number of days, to your passions, to the season and to the will to either walk or rather relax in the city's green spaces. Many different ways to achieve a single objective: making your travel experience in our city unforgettable.
So, enjoy Siena! And thank you for spending your free time in our city.
We’ll always remain here, waiting for your next visit.

  1. 1 day in Siena
  2. 2 days in Siena
  3. 3 days in Siena
  4. 3 hours in Siena

Itinerari

Medioevo Vero e Falso

Siena è una città medievale, ma non tutto ciò che sembra di questa epoca lo è davvero. Trifore perfette, merli ben conservati, difficilmente, se non stiamo parlando del Palazzo Comunale , edifici che presentano queste caratteristiche non hanno subito qualche restauro, più o meno generoso. Anche quando ciò sia avvenuto, però, l'armonia della città non ne viene intaccata perché per secoli artisti e architetti improntarono la loro opera al rispetto del passato glorioso della città. Il percorso parte proprio da uno dei luoghi simbolo dell'attaccamento dei senesi nei secoli alla propria identità architettonica: piazza Salimbeni , inventata alla fine dell'Ottocento dall'architetto Giuseppe Partini, ma in forme che rimandano al Medioevo. In strade meno battute dal turismo potrete scoprire antichi scorci del tutto originali come il suggestivo Castellare degli Ugurgieri con il suo silenzioso raccoglimento o la torre della Chiesa di San Giorgio , invisibile ai più, e che nasconde il suo “mistero” legato alla battaglia di Montaperti. Un inconsueto angolo vi si aprirà se avrete la voglia di addentrarvi nell'antico vicolo degli Orefici, dove respirerete l'aria di un tempo che fu in una pace insospettabile in pieno centro. Ci sarà poi ancora spazio per vedere esempi di Medioevo “moderno” e antico a confronto nel vicolo di Tone (Casato) , sul quale affaccia uno degli esempi più fulgidi di medioevo e modernità così ben commisurati da non presentare quasi distanze: il palazzo Chigi Saracini, sede dell'Accademia Musicale Chigiana, cha racchiude tanta storia passata e presente.

Francigena

Il centro storico di Siena è attraversato dalla famosa via che percorrevano i pellegrini sulle orme di Sigerico per raggiungere Roma e visitare la tomba dell'apostolo Pietro , un tragitto che rappresentava in sè un atto di penitenza, simbolicamente e materialmente consegnava il pellegrino nelle mani di Dio. Oggi la Via Francigena è l'occasione per un rinnovato rapporto con la natura e il territorio, ma anche con la storia, le tradizioni, il folclore delle genti del passato e del presente. Dalla ricerca interiore il cammino della Francigena rappresenta per i turisti e i pellegrini moderni un viaggio nelle radici della cultura italiana ed europea. Mentre in molti tratti extraurbani la Via Francigena aveva un percorso irregolare, vicino a Siena assumeva l'aspetto di un percorso urbano, più comodo e agibile per il pellegrino. Il percorso parte da Porta Camollia , da qui i pellegrini entravano a Siena per dirigersi verso sud . Porta Camollia si sviluppò in epoca medioevale proprio grazie alla Francigena, infatti fu ribattezzata dallo storico Ernesto Sestan come “figlia della strada”. Percorrendo la Francigena all’interno del centro storico si ha la possibilità di incontrare palazzi storici e antiche chiese, dove i pellegrini spesso facevano tappa in cerca di ospitalità. Lungo il percorso incontrerete la Chiesa di San Pietro alla Magione , la Chiesa di Santa Maria in Portico a Fontegiusta , la Chiesa di Sant’Andrea Apostolo e la Chiesa di Santa Maria delle Nevi . Percorrendo l’antica Via dei Pellegrini si arriva in Piazza del Duomo , dove si trova la splendida Cattedrale di fronte alla quale ha sede uno dei luoghi simbolo della Francigena del tratto senese: lo Spedale di Santa Maria della Scala . Antico ospedale, tra i primi luoghi in Europa, nel medioevo, destinato ad accogliere i pellegrini ed aiutare i poveri. Ora è un grande spazio museale, dove sono raccolti il museo archeologico, diverse mostre permanenti e non, laboratori di restauro.

Acqua

In aggiornamento

Panorami

Un itinerario dedicato ai luoghi con i panorami più belli e sorprendenti della città. Siena gode infatti di scenari mozzafiato. Si parte dalla Fortezza Medicea, chiamata anche Forte di Santa Barbara, fu fatta costruire da Cosimo dei Medici tra il 1563 e il 1567, su una precedente fortezza spagnola distrutta dai senesi nel 1552. Salendo lungo le mura raggiungiamo il bastione di San Domenico da cui si gode di una bellissima vista sulla città medievale e sui campi che la circondano. La Fortezza medicea oltre ad essere un luogo di pace immerso nel verde è da anni sede dell'Accademia nazionale del Jazz, che ospita ogni anno musicisti internazionali. Non solo dalla Fortezza ma anche dalle vie interne al centro storico è possibile ammirare panorami di diversa bellezza come quello offerto da via di Camporegio con una vista suggestiva sui tetti senesi e sul Duomo. Percorrendo poi via della Galluzza si giunge in via di Diacceto dove si può godere di un panorama mozzafiato su Fontebranda dominata dalla mole della Basilica di San Domenico. Da via delle Sperandie sembra quasi distaccarsi dalla città volgendo il proprio sguardo verso la vasta campagna senese. Scendendo per via Mattioli potrete fare una pausa nei giardini dell’ Orto dei Tolomei da cui è possibile apprezzare la vista sul cuore della città con la celebre Torre del Mangia simbolo di Siena. Risalendo per via Duprè la vista della Torre del Mangia vi accompagnerà lungo il tragitto finché non giungerete alla caratteristica stradina di campagna di via Porta Giustizia . È questa l’ultima tappa dell’itinerario: l’ Orto de’ Pecci , una valle immersa nel verde, a due passi dalla città che consente di godere di uno nuovo spettacolare panorama su Palazzo Pubblico e Torre del Mangia.

Sito Unesco


Siena, il cosiddetto sogno gotico, rappresenta ancora il modello di città medioevale rappresentato nell'affresco “Gli Effetti del Buongoverno” dipinto da Ambrogio Lorenzetti nel Museo Civico e per questo è stata inserita, nel 1995, nella lista del Patrimonio mondiale dell'umanità dell'Unesco.
Il riconoscimento è arrivato per le caratteristiche urbane ed architettoniche del centro storico di Siena, i suoi palazzi, le chiese, i monumenti, gli spazi urbani, che nel corso dei secoli hanno subito una evoluzione che ha saputo rispettare le caratteristiche originarie dei tempi, fra il XII e il XV secolo, in cui la Repubblica di Siena ha influenzato in maniera fortissima l'arte di tutta Europa.
Siena appare come un'utopia possibile – testimonianza di genio creativo, capacità artistica ed estetica, perfetta integrazione con il paesaggio circostante e di intelligente governo della città attraverso i secoli - e la città si è dotata di uno specifico Piano di gestione del sito Unesco.
Aiutaci a mantenerlo pulito, rispettalo come fosse un grande "salotto". Non sederti a terra per riposare o mangiare, ma cerca le valli e gli spazi verdi o utilizza la struttura appositamente destinata in Piazza del Mercato (Tartarugone) a un passo da Piazza del Campo. Tutti noi, cittadini di Siena, te ne saremo grati. Buona visita in città.


Siena, the so-called gothic dream, still represents the model of medieval city painted by Ambrogio Lorenzetti in the famous fresco "Gli Effetti del Buongoverno” in the Civic Museum and because of this it was admitted, in 1995, in the list of UNESCO World Heritage Sites.
The award was assigned because of the urban and architectural features of the historical center of Siena, its palaces, churches, monuments, urban spaces, which over the centuries have undergone an evolution that has managed to respect the original characteristics of the old times, between the twelfth and the fifteenth century, when the Republic of Siena influenced very strongly the art of all Europe.
Siena is a possible utopia - testimony to the creative genius, artistic and aesthetic ability, seamless integration with the surrounding landscape and wise government of the city through the centuries - and the city has set up a specific plan for maintaining the UNESCO site.
Please help us to keep it clean, and treat it with respect as though it were a huge open-air drawing room. Please don't sit on the ground to rest or to eat but look for the green areas (gardens and parks in the valleys between Siena's hills) or go to the covered loggia, designed for this purpose, in Piazza del Mercato (Tartarugone) just behind Piazza del Campo. All the citizens of Siena will be grateful to you, if you do this. Have a great visit.


Virtual Tour

  1. Basilica dei Servi
  2. Fonte di Follonica
  3. Santa Caterina

Info

NUMERI UTILI